Crea sito
  • CARTA SERVIZI

AMBULATORIO MEDICO MOREGO - SAN QUIRICO

Via Serro a Morego 9 Genova – tel 010 0987850   fax 010 0987854-

[email protected]          www.ambulatoriomorego.it – www.salute.coop

Pagina facebook: Ambulatorio Moregoneto 10/1-2 16149 Genova Tel: 010-8600938/ fax : 010-8600938 cell 329-2448331

 

MISSION

 

Dal 2015 è operativo in Valpolcevera un nuovo ambulatorio medico denominato Ambulatorio "Morego-San Quirico", gestito dalla cooperativa sociale S.A.B.A.

Presso il nuovo centro offriamo una vasta gamma di cure mediche di alto livello.

L’obiettivo dell’Ambulatorio è quello di organizzare e predisporre percorsi di accesso alla salute con tariffe contenute, con la partecipazione integrata di medici specialisti, contrastando l’abbandono forzato delle cure da parte di ampie fasce della popolazione cittadina, che per motivi economici tende a rinunciare alle prestazioni sanitarie.

Il punto più significativo del progetto consiste nella presa in carico globale ed integrata del paziente. Questo approccio multidisciplinare e multidimensionale viene garantito da un’organizzazione che assicura il buon esito del trattamento singolo, da un processo di riconoscimento di eventuali altri bisogni del paziente che potrebbero emergere e dall’umanizzazione delle cure.

 

LA STRUTTURA

 

Ubicato nella zona di SAN Quirico l’ambulatorio è stato recentemente ristrutturato

Tutti i locali ed i diversi spazi della struttura soddisfano i requisiti igienico-sanitari previsti dalla normativa vigente, sono adeguatamente dimensionati per le attività proposte. I locali adibiti alle terapie non presentano barriere architettoniche. I servizi igienici per gli utenti sono attrezzati per  non autosufficienti.

Particolare attenzione è stata posta nella disposizione degli arredi fissi e mobili affinché questi siano completamente e liberamente fruibili da persone con ridotta autonomia di movimento e disabili in carrozzina. Per gli utenti con disabilità motorie è possibile accedere alla struttura attraverso un ascensore ed è inoltre possibile usufruire del posteggio

Tutti gli impianti e le attrezzature sono a norma di legge e vengano periodicamente rivalutati da un punto di vista dell’efficienza e della normativa vigente.

La struttura con cadenza annuale viene sottoposta a revisione sanificazione disinfezione da parte ditta specializzata.

 

 

 

MODALITA’ DI PRESA IN CARICO

Il paziente che accede all’ambulatorio ha pieno diritto ad essere informato dell’iter diagnostico e/o terapeutico esprimendo la propria volontà attraverso la sottoscrizione del modulo di “consenso informato”. Ha inoltre diritto a ricevere tutti i chiarimenti opportuni da parte del personale medico interessato.

Nei casi in cui il paziente sia un minore o con gravi disabilità intellettive, i suoi diritti vengono esercitati dalle persone individuate secondo la normativa vigente.

Dopo la raccolta dei dati preliminari, gli utenti vengono presi in carico dai singoli specialisti che effettuano la visita e, se necessario, utilizzano gli strumenti di pertinenza per dare la migliore risposta possibile alla visita. A tutti i pazienti viene consegnata una relazione scritta e, nel caso della visita del nutrizionista, una dieta personalizzata.

I trattamenti riabilitativi tengono conto della globalità psicofisica dell’individuo, a prescindere dal sintomo particolare. Ne deriva una modalità di presa in carico fondata sulla relazione terapeuta/utente, che utilizza strumenti riabilitativi specifici e differenti.

 

PRESTAZIONI EROGATE

Nell’ambulatorio sono presenti due presidi: Ambulatorio polispecialistico e Ambulatorio fisiatrico e fisioterapico.

Ambulatorio polispecialistico.

 

Il responsabile sanitario sovraintende a tutte le attività dell’Ambulatorio.

Le specialità al momento attive presso l’Ambulatorio sono:

DIABETOLOGIA: vengono affrontate le problematiche relative al conseguimento del miglior controllo metabolico possibile con la finalità di prevenire le principali complicanze sia microvascolari (retinopatia diabetica, nefropatia diabetica) sia macrovascolari (arteriopatia obliterante degli arti inferiori, dei tronchi sovra-aortici, delle coronarie) sia neurologiche (neuropatia sensitivo-motoria e autonomica viscerale), che possono presentarsi in corso di diabete, specie se mal compensato.
DIETOLOGIA: ci si propone di prevenire e trattare problematiche legate all’alimentazione, assicurando ad ogni paziente un intervento nutrizionale efficace e personalizzato. Corrette abitudini alimentari e uno stile di vita attivo favoriscono la prevenzione di molte patologie, in particolare le malattie metaboliche e cardiovascolari 
FONIATRIA: rivolto a pazienti che soffrono di alterazioni della voce, della deglutizione, di difficoltà di articolazione dei suoni e di disturbi del linguaggio.

 

OCULISTICA: si effettuano visite specialistiche per la prevenzione, diagnosi e terapia delle malattie dell'occhio, della correzione dei vizi refrattivi e delle patologie oculari. Presso l'ambulatorio si effettuano anche visite specialistiche oculistiche pediatriche. Si ricorda che anomalie anatomiche come miopia, ipermetropia, astigmatismo o funzionali, alterazioni della motilità oculare (strabismo) e della trasparenza dei mezzi diottrici come la cataratta, se riconosciuti in tempo, possono essere trattati adeguatamente.
ODONTOIATRIA e ORTODONZIA: Le cure odontoiatriche non possono essere un lusso, ma un servizio accessibile a tutti, per questo è offerto un listino a prezzi contenuti  (consultabile nel sito internet),  senza che sia penalizzata la qualità dei servizi.

L’ambulatorio Morego offre i trattamenti in tutti i campi dell’odontoiatria, endondonzia, estetica, dentale, ortodonzia tradizionale ed invisibile, pedondonzia , protesi fissa e mobile

OTORINOLARINGOIATRIA (ORL): propone visite specialistiche per i disturbi di orecchio (otite, acufeni, problemi di udito, sordità e altri), naso (rinite allergica, russamento e apnee notturne, polipi nasali, sinusite) e per problematiche vestibolari

 

Ambulatorio fisiatrico e fisioterapico

 

Il responsabile del Presidio è lo Specialista Fisiatra.

Il servizio di fisiatria e fisioterapia attraverso un’equipe di lavoro specializzata, che prevede figure professionali quali fisiatri e fisioterapisti,  interviene nelle seguenti aree:

 

Area della post acuzie

Comprende tutte quelle condizioni cliniche prodotte da una malattia o un trauma, insorti recentemente, e che si caratterizzano per non essere ancora risolte, pur avendo superato la fase critica. In questa condizione il progetto riabilitativo prevede l’utilizzo di terapie che orientino l’organismo a riparare il danno subito, aiutando l’organo leso a riprendere la sua funzione, e/o supportando il soggetto ad adottare comportamenti che permettano di sostituire la funzione parzialmente o totalmente perduta.

 

Area della prevenzione del decadimento funzionale cronico

All’interno di questa area conviene distinguere:

un’area che comprende tutti i soggetti che hanno avuto una malattia ormai guarita o un trauma concluso, ma che, a causa del cattivo funzionamento dell’organismo danneggiato tendono a peggiorare negli anni per usura precoce di una parte di esso;
una seconda area che comprende soggetti con malattie croniche evolutive.

 

Area delle patologie dolorose croniche della colonna vertebrale

Si tratta di disturbi di natura multifattoriale (sovrappeso, sedentarietà, artrosi, patologia viscerale cronica, modificazioni funzionali dei meccanismi che regolano il dolore a livello del sistema nervoso ecc).

Il presidio di riabilitazione può offrire anche il noleggio di apparecchi fisioterapici portatili e di prodotti consumabili consentendo ai pazienti il comodo uso delle apparecchiature a casa propria, agevolando quindi il recupero delle funzioni alterate, riducendo i tempi della guarigione e limitando la presenza presso il presidio stesso. Il servizio a domicilio garantisce un monitoraggio da parte dei professionisti che anche in questo caso saranno sempre a disposizione per eventuali dubbi richieste di assistenza.

 

 COSTI E CONVENZIONI

L’Ambulatorio è totalmente privato ed è convenzionato con:  

a)  Coop Liguria. Per i Soci sono previste tariffe agevolate rispetto alle visite standard così come per i trattamenti di odontoiatria e per quelli di ortodonzia;

b) Mutue Aderenti Consorzio Musa (Cesare Pozzo ecc.);

c) Mutue Aderenti  Fimiv (Mutua Ligure, Cesare Pozzo ecc.);

d) Cassa mutualistica Interaziendale.

 

PRIVACY

Per il corretto trattamento dei dati personali di utenti, visitatori, collaboratori, l’ambulatorio Morego - San Quirico rispetta i requisiti prescritti dal D. Lgs. 196/03 “Codice in materia di protezione dei dati personali“

 

RECLAMI SUGGERIMENTI

Il paziente ha la possibilità di far pervenire reclami e suggerimenti presso l’Ambulatorio attraverso e-mail o apposito modulo che è possibile scaricare dal sito o ritirare in forma anonima presso l’Ambulatorio.

 

CONTATTI:

E’ possibile accedere ai servizi dell’Ambulatorio attraverso le seguenti modalità:

telefonando al numero: 010 0987850

inviando una richiesta per e-mail al seguente indirizzo: [email protected]

http://www.ambulatoriomorego.it/       Pagina facebook: Ambulatorio Morego     

Sintesi progetto “Bimbi al centro” COOP S.A.B.A.

Il progetto si svolge nel Comune di Genova, in particolare in due servizi per minori: un asilo nido accreditato e convenzionato col Comune di Genova, ”Il Nido dell’Orsa”, sito in Pegli e un centro bambini situato in Centro città. L’asilo nido è gestito dalla Cooperativa S.A.B.A., che partecipa anche alla gestione del centro bambini insieme all’associazione A.Ge.

“Il Nido dell’Orsa” è un asilo nido privato che ospita 47 bambini dai 3 ai 36 mesi dal lunedì al venerdì, dalle 7.00 alle 17, per tutto l’anno ad esclusione delle chiusure natalizie e pasquali e del mese di agosto.

Il Centro Bambini ospita 20 bambini dai 16 ai 36 mesi dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 13.30, per tutto l’anno ad eccezione delle chiusure natalizie e pasquali e del mese di agosto.

Entrambe le strutture, in qualità di servizi socio-educativi, si rivolgono ai bambini e alle loro famiglie offrendosi per entrambi come luogo di incontro, confronto e condivisione, in cui viene offerta al bambino piccolo una situazione privilegiata per sviluppare pienamente e in forma integrata con l’esperienza famigliare le proprie complessive potenzialità.

Obiettivi generali

I servizi per l’infanzia oltre ad essere una risposta al bisogno di custodia delle famiglie sono luoghi di crescita e sviluppo dei bambini. Lo sviluppo dipende in primo luogo dallo scambio con l’adulto, che nei primi anni è rappresentato principalmente dalle cure e dal soddisfacimento dei bisogni primari del bambino. In questo senso le attività di routine quotidiana assumono un duplice valore, in quanto da una parte consentono ai bambini di stare bene e quindi costruire un atteggiamento di apertura fiduciosa verso il mondo esterno, dall’altra rappresentano una condizione di sviluppo sano.

Il progetto nasce quindi con l’obiettivo di sviluppare una cultura del benessere del bambino intesa come rispetto ed attenzione ai sui bisogni.

Questo si attua all’interno dei servizi coinvolti, favorendo l’attenzione individualizzata nei momenti istituzionali di routine, ma anche all’esterno, incrementando le uscite sul territorio. Ci proponiamo, inoltre, di allargare questa visione ad altri interlocutori di rete, tramite uno scambio di buone prassi sul territorio e la sua concreta realizzazione in eventi “aperti”.

Obiettivi specifici sono: Favorire nell’ambito dei singoli servizi un’attenzione più individualizzata nei momenti di  routine; Favorire nell’ambito dei singoli servizi interventi educativi ed assistenziali individualizzati ed il benessere dei bambini nelle uscite; Favorire lo scambio di esperienze tra famiglie; Sviluppare buone prassi e la conoscenza dei servizi presenti sul territorio; Favorire lo scambio di informazioni, la messa in rete delle risorse territoriali ed il loro utilizzo; Sviluppare buone prassi e la conoscenza dei servizi presenti sul territorio; Favorire lo scambio di informazioni, la messa in rete delle risorse territoriali ed il loro utilizzo.

Obiettivi per i volontari in servizio civile

I volontari durante l’esperienza di servizio civile  in entrambi i servizi per l’infanzia, “Il Nido dell’Orsa” ed il Centro bambini potranno:

sperimentarsi in contesti lavorativi strutturati, attraverso il metodo del “Learning by doing” “Imparare facendo”, a fianco di persone esperte;
sviluppare le loro competenze relazionali attraverso il lavoro in equipe ed il confronto con professionalità e ruoli diversi (coordinatore pedagogico, educatori, addetti all’infanzia, personale ausiliario)
valutare la loro propensione per il lavoro nei confronti dei bambini nella fascia d’età 0-3 anni;
acquisire competenze organizzative e metodologiche in relazione alla lettura del contesto e la comprensione dei bisogni;
potranno vivere un’esperienza di crescita personale;
sperimentare il lavoro in una realtà no-profit, legata ai bisogni della persona;
sperimentare nel lavoro sociale i principi fondanti della scelta etica del servizio civile in particolare quelle riguardanti la solidarietà e la promozione sociale, la difesa delle classi più deboli e fragili (bambini, stranieri, famiglie in difficoltà…).

 

 

Ruolo ed attività previste per i volontari nell’ambito del progetto.

 

In tutte le sedi di servizio il volontario permette una maggiore attenzione al singolo destinatario, nonché un’implementazione dell’intervento complessivo, con l’obiettivo di mettere in rete e far conoscere meglio le attività a disposizione tramite una maggiore visibilità dei servizi e il consolidamento e potenziamento della collaborazione col territorio.

Il volontario di servizio civile avrà un ruolo di supporto nelle diverse sedi: con la sua presenza più stabile continuativa, nelle attività quotidiane, in affiancamento al personale titolare, dal momento dell’accoglienza per tutto il periodo di permanenza nei servizi, potrà supportare gli operatori nell’identificazione dei bisogni individuali dei piccoli. Inoltre parteciperà ad attività esterne (piscina, visite a mostre in Genova e in altre città italiane) e a nuove attività aperte al territorio (sportello e incontri a tema). Il volontario potrà essere coinvolto anche alcuni sabati o domeniche in occasione di eventi particolari previsti dal progetto e oltre l’orario di apertura dei servizi secondo le necessità sempre legate al progetto.

I volontari, inoltre, supportati dagli Operatori Locali di Progetto, effettueranno una osservazione dei servizi in cui sono inseriti, focalizzando l’attenzione sulla visibilità e l’impatto sul territorio, sulle modalità di integrazione degli stessi con le altre risorse presenti, con le reti eventualmente già esistenti e sulle possibilità di incrementare i rapporti con le altre realtà della zona. In tal modo i volontari potranno sia rendere maggiormente visibili i servizi in cui sono inseriti sia accogliere ulteriori bisogni e richieste, consentendo un’attivazione ed implementazione di risorse più calibrate.

Per i Volontari che svolgeranno il Servizio Civile presso “Il Nido dell’Orsa” si prevede l’offerta del vitto, poiché il momento del pasto è una delle routine in cui i Volontari interverranno e l’orario di presenza giornaliero comprende la fase del pranzo.

 

 

 

 

Mail: [email protected]

La Comunità Diurna ad Integrazione sociosanitaria LA TAVOLA ROTONDA accoglie un massimo di 10 minori, (con possibilità di overbooking e lista di attesa) anche stranieri, di età compresa tra i 6 e i 18 anni di entrambi i sessi, di norma residenti nell’Ambito Territoriale Sociale di Sampierdarena. Tali minori presentano problematiche personali, relazionali, comportamentali ed evolutive tali da necessitare di un intervento educativo e/o si trovano in situazioni socio/famigliari connotate da un forte disagio sul piano educativo, che però non richieda un immediato allontanamento dal nucleo famigliare laddove le famiglie siano disponibili ad un percorso di rafforzamento della capacità genitoriali.

L’accoglienza e l’incontro con i genitori dei minori ospiti della comunità diurna è condizione fondante dell’intervento da parte dell’equipe educativa e in particolar modo dell’educatore famigliare, utilizzando un approccia di tipo partecipativo in cui la famiglia è protagonista principale, insieme al minore, e risorsa insostituibile.

 

ORGANIZZAZIONE

Il servizio è aperto per 260 giorni l’anno, settimanalmente su cinque giorni, dal lunedì al venerdì con orario giornaliero dalle 12.30 alle 20:30 . In base alle stagioni o in occasione di attività specifiche, l’orario potrà essere ampliato fino a coprire l’intera giornata ( è prevista infatti la possibilità di iniziative diurne e di soggiorni di vacanza). Il servizio è strutturato in modo da offrire sia il pranzo sia la cena, i minori sono seguiti ed accompagnati nello svolgimento dei compiti, delle attività ludico-sportive, eventuali visite mediche o incontri con i servizi invianti. Sono previste attività laboratoriali ludico espressive .e multimediali

Il lavoro e il sostegno alla famiglia si esplicano attraverso colloqui, e incontri che favoriscano acquisizione di strumenti utili per uscire dalla situazione di disagio, favorendo l’emancipazione e l’autonomia ( aiuto nella ricerca del lavoro, nell’organizzazione delle risorse economiche e temporali ecc.)

L’EQUIPE

L’equipe educativa è costituita da educatori, uno avente funzione di coordinamento e uno dedicato alla famiglia, con pluriennale esperienza nell’area educativa dei minori. Il coordinatore è responsabile del progetto complessivo della Comunità diurna e dei rapporti con l’esterno, per consentire la continuità sono previste figure stabili per le sostituzioni. Annualmente vengono pianificati incontri di formazione e aggiornamento professionale, viene garantita il supporto agli educatori attraverso incontri di supervisione. Il servizio prevede la presenza di volontari del Servizio Civile Nazionale o di soci volontari S.A.B.A. quali risorse aggiuntive a supporto degli educatori nelle attività quotidiane.

 

ACCESSIBILITA’

La richiesta di ammissione avviene all’interno della riunione della Commissione Mista del territorio di Sampierdarena .Tale modalità è atta a garantire il lavoro di rete con tutte le risorse presenti sul territorio favorendo una progettazione integrata , il monitoraggio di eventuali liste di attesa e una fondamentale circolarità delle comunicazioni e scambio delle informazioni. Il Coordinatore della Comunità Diurna garantisce la partecipazione, in rappresentanza dell’equipe, a tali riunioni.

PROGETTO EDUCATIVO

Per ogni minore, in accordo con il Servizio Inviante, è sviluppato e curato un Progetto Educativo Individuale (PEI), questo strumento è occasione di confronto per il minore e la sua famiglia, in un’ottica di partecipazione attiva e non di sostituzione genitoriale.

L’intervento educativo del PEI è articolato in attività di sostegno e di gruppo con particolare attenzione, per quanto riguarda i minori a:attività di accudimento, supporto educativo e scolastico, attività di laboratorio ludico-ricreative ,accoglienza e sostegno alla famiglia ,relazioni privilegiate con figure adulte ,spazi di accoglienza e ascolto strutturati e accompagnamento nella costruzione di una rete territoriale positiva.

 

QUALITA’

Il Sistema Qualità di SABA, certificata UNI EN ISO 9001:2008, garantisce il controllo e l’impegno al miglioramento degli aspetti relativi alla progettazione individuale e del servizio, alla selezione e formazione del personale, alla scelta dei fornitori, al rispetto delle esigenze dei fruitori del servizio.

I principali indicatori di qualità della Comunità diurna sono:

- monitoraggio del servizio e dei progetti individuali da parte della coordinatrice e dei Responsabili Servizi , Risorse Umane e Amministrazione di SABA;

- multidisciplinarità delle competenze professionali, con particolare rilievo alla progettazione dei PEI e agli interventi di mediazione familiare

- attenzione alle eventuali problematiche delle prestazioni degli operatori

- lavoro di rete inteso come collaborazione con i soggetti coinvolti nel progetto e come capacità di interagire con le risorse offerte dal territorio


 

COSTI

La retta giornaliera è, di norma, a carico del Comune inviante.


 

SEGNALAZIONI E RECLAMI

Le segnalazioni e/o eventuali reclami possono essere inoltrati al coordinatore ai numeri 010-8600938 –o / 329-2448331 o presso l’ufficio della Cooperativa (010 5960583 , fax 010 5764127).

SICUREZZA E TUTELA

Tutti gli operatori possiedono la formazione specifica antincendio e antinfortunistica, sono presenti i referenti per la sicurezza e per l’antincendio in base alla normativa vigente. I dati sensibili e personali e, in generale, tutte le informazioni relative ai minori sono sottoposte a tutela, secondo quanto previsto dalla legge sulla privacy ( d.l. 196/2003).

E’ presente una polizza assicurativa per infortuni e danni contro terzi.

 

 

 

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

S.A.B.A. è una cooperativa sociale ONLUS nata nel 1979 su iniziativa di un gruppo di donne; negli anni si è sviluppata fino all’attuale organizzazione che comprende oltre 200 lavoratori e più di 20 servizi.
Gli obiettivi principali della sua attività sono:
 offrire servizi alla persona che favoriscano il benessere e la qualità della vita;
 creare posti di lavoro basati sulla professionalità;
 sviluppare in modo crescente la qualità dei servizi offerti.
La forma cooperativa, che segue i principi della mutualità, e il settore no-profit garantiscono in S.A.B.A. una forte integrazione tra impegno sociale, offerta di servizi e attività lavorativa basata sulla partecipazione e la responsabilità di tutti gli operatori. La maggior parte del personale è socio di S.A.B.A.. Tutti i dipendenti e/o collaboratori possono fare domanda di ammissione a soci al Presidente che, valutando insieme al C.d.A la motivazione ed il percorso professionale, svolge un colloquio informativo sui diritti e doveri del socio ed avvia la procedura di ammissione.
Le attività di S.A.B.A. sono articolate in più settori: bambini, anziani, disabili e stranieri, con diversi piani di intervento: educativi, riabilitativi, assistenziali, di mediazione etc. L’obiettivo, infatti, è di offrire più tipologie di servizio in ogni settore di intervento, per rispondere in modo adeguato a molteplici bisogni o richieste. In ogni servizio, inoltre, gli interventi sono individualizzati secondo le esigenze delle singole persone. La qualità è garantita dalla professionalità degli operatori (figure assistenziali, educatori, mediatori interculturali, psicologi, infermieri, tecnici di riabilitazione, medici etc.) e da contributi a carattere specialistico, condotti da figure tecniche (terapisti della riabilitazione, formatori, consulenti etc).
S.A.B.A. ha la propria sede nel centro cittadino e opera in tutta l’area metropolitana genovese. Questa diffusione ha permesso di realizzare un’ampia rete di conoscenze e sperimentare nuove e molteplici capacità d’intervento sul territorio, in rete con il mondo del Terzo Settore, con le strutture pubbliche e private che operano nell’ambito dei servizi sociali e sanitari. In particolare dall’anno 1997 S.A.B.A. aderisce al consorzio regionale C.Re.S.S. di cui è socia fondatrice, per allargare i propri spazi di intervento con la messa in rete delle risorse delle numerose cooperative aderenti, e nell’anno 2006 fonda, insieme ad altri Enti operanti nel settore dell’orientamento e della mediazione al lavoro, il consorzio MOTIVA che opera nei Centri per l’Impiego della Provincia di Genova. Nell’anno 2002 S.A.B.A. ottiene la certificazione UNI EN ISO 9001 e nel 2004 quella UNI EN ISO 9001:2000 (VISION). Nell’anno 2009 S.A.B.A. ottiene la certificazione UNI EN ISO 9001: 2008.

La componente etica dell’organizzazione risulta non solo dalla natura dei servizi offerti, ma anche da alcune specificità:
 un’organizzazione dei tempi di intervento che favorisce e cerca di coniugare le esigenze dei singoli fruitori dei servizi e degli operatori stessi, in particolare nei confronti delle donne, nell’ottica delle pari opportunità;
 l’avviamento al lavoro di molti giovani e il supporto nell’apprendimento delle regole del comportamento professionale;
 l’ampia percentuale di stranieri nell’ambito dell’organico;
 l’offerta di un servizio gratuito per gli anziani del Centro Storico, a totale carico di S.A.B.A.
 la destinazione di posti gratuiti nei servizi per l’infanzia per casi di particolare necessità sul territorio.

Principi di qualità

 Responsabilità sociale e impegno a favore della collettività.
 Collaborazione in rete.
 Concertazione con l’Ente Pubblico e con i cittadini utenti.
 Crescita della competenza professionale di tutto il personale.
 Investimento professionale ed economico nello sviluppo della qualità dell’organizzazione, anche attraverso l’adozione di un Sistema Qualità, in particolare nei processi di selezione del personale, formazione e supervisione, progettazione, verifica e controllo.

Gestione reclami e suggerimenti
Sono garantiti a ciascun membro dell’organizzazione, ai clienti e ai committenti non solo l’accesso alle informazioni, ma anche la possibilità di segnalare non conformità e di aver risposta. E’ impegno di S.A.B.A. investire nella collaborazione con i fruitori dei servizi, raccogliendo le loro indicazioni e i suggerimenti, oltre ai reclami sulle criticità. Periodicamente viene rilevata la soddisfazione dei clienti tramite questionari o altri strumenti. I reclami e i suggerimenti  vanno inviati per iscritto presso la sede di S.A.B.A o dei servizi interessati. Qualora si desideri un incontro per un colloquio è necessario fissare un appuntamento. I responsabili competenti si impegnano a informare il cliente e il lavoratore delle decisioni prese in merito alle segnalazioni ricevute.

Organizzazione interna
Le principali modalità organizzative dei servizi sono:
il coordinamento: ogni attività gestita direttamente da S.A.B.A. ha un proprio responsabile, punto di riferimento per la cooperativa, per gli operatori e per i fruitori del servizio;
l’équipe di lavoro: i servizi sono condotti da un gruppo di operatori nell’ambito del quale sono presenti qualifiche diverse. Laddove gli interventi sono di tipo individuale vengono organizzate riunioni di lavoro per il confronto tra gli operatori;
i responsabili d’area: responsabile Amministrativo, del Personale e dei Servizi formano la direzione insieme al Presidente. Ad essi fanno riferimento i coordinatori per gli aspetti economici, per il personale (valutazione della professionalità, valorizzazione delle risorse e supporto), per la verifica complessiva dell’andamento del servizio, della progettazione individuale e del rispetto dei contratti stipulati. Altri responsabili d’area di S.A.B.A. sono i Responsabili della Formazione, della Progettazione e il Responsabile Assicurazione Qualità;
il consiglio d’Amministrazione: tutti i servizi fanno capo alla direzione e al consiglio d’amministrazione della cooperativa o, per i servizi consortili, a quello del C.Re.S.S. Ciò permette di avere una strategia complessiva coerente e di mantenere i principi fondamentali di qualità in ogni settore. Il C.d.A. di S.A.B.A. è composto da 5 consiglieri eletti dall’Assemblea dei soci con mandato triennale;
le professionalità: attualmente sono presenti in S.A.B.A. le seguenti figure: educatori, orientatori e mediatori al lavoro, infermieri professionali, insegnanti, assistenti alla comunicazione, operatori socio-assistenziali (OSS, ADEST, OSA), mediatori interculturali (ambito educativo, sanitario, lavorativo, giudiziario), tecnici della riabilitazione (neuropsicomotricisti, musicoterapisti, logopedisti, fisioterapisti, arteterapista, danzaterapista), psicologi, neuropsichiatri, impiegati, operatori ausiliari, operatori informatici.

Gestione risorse umane
Si individuano nella selezione e nella gestione delle risorse umane gli elementi di sostegno alla qualità dei servizi.
selezione: il responsabile del Personale valuta le domande di assunzione e le risorse interne per l’assegnazione di nuovi incarichi, approfondendo competenze, esperienza, percorso formativo, motivazione e caratteristiche personali. Successivamente i coordinatori valutano le competenze tecniche.
gestione del personale: il responsabile del Personale insieme ai coordinatori e attraverso colloqui individuali valuta il percorso lavorativo di ognuno in termini di adeguatezza al ruolo, motivazione, disponibilità e competenze specifiche. Gestisce, inoltre, la mobilità sui servizi in base alle esigenze di cooperativa, favorendo per quanto possibile le richieste dei singoli. In collaborazione con il responsabile della Formazione segue l’iter formativo degli operatori.

Formazione
La formazione è parte integrante dei servizi offerti, nonché un importante indicatore di qualità. Essa consiste in:
attività formative rivolte alle équipe con particolare attenzione alle specificità del singolo servizio, alle procedure e agli indicatori di qualità (riflessione sui progetti e sui processi lavorativi, sull’assetto organizzativo e sulla divisione dei compiti, supervisione casi etc.);
attività formative trasversali su tematiche specifiche e sul rispetto delle normative vigenti (sicurezza, privacy, primo soccorso, antincendio, ecc.);
partecipazione a corsi, seminari, convegni esterni su tematiche attinenti l’area sociale, l’organizzazione, le principali teorie di riferimento;
attività formative per le figure gestionali.

Gli obiettivi principali sono:
potenziamento della professionalità;
manutenzione e sviluppo della qualità del servizio;
individuazione e valorizzazione di energie e capacità potenziali;
prevenzione del burn-out.